lista de correosrecibe automaticamente las actualizaciones a tu correosiguenos en tuitersiguenos en facebook

enlaceZapatista

Palabra del Ejército Zapatista de Liberación Nacional

Nov122016

Non è la decisione di una persona.

Novembre 2016
Per le/i razzist@:
Stiamo leggendo e ascoltando tutto quello che dite e che scrivete.
Le vostre burla, il vostro disprezzo, il vostro razzismo che non riuscite più a nascondere.
Credo che anche i compagni e, soprattutto, le compagne del Congresso Nazionale Indigeno lo stiano leggendo e ascoltando.
Ed è venuto fuori chiaramente, come pensava e ci disse il CNI, che nella società c’è molto razzismo.
Credo che vi divertiate congratulandovi tra di voi della bella battuta di sinistra, dicendo “la candigata” del EZLN.
E vi sentite molto machi a burlarvi così delle donne indigene.
E dite che noi dannati indios ci facciamo manipolare e non abbiamo un nostro proprio pensiero, ma che come le pecore, andiamo dove ci dice il pastore.
Ma credo che vi guardiate allo specchio quando dite questo.
Così siete venuti fuori: machi e razzisti spudorati.
Voi, che parlate tanto e dite che il razzismo esiste solo tra la classe sfruttatrice, non vi accorgete che vi è già entrato nel corpo e nell’anima, nel vostro modo di pensare, di parlare, di guardare alla vita.
E non vi fa vedere altro o in altro modo, per il vostro individualismo, per la vostra presunzione, come se da soli poteste liberarvi e liberare gli esseri viventi.
Non vi accorgete di essere solo delle persone individualiste e non vi rendete conto che sta per finire il poco che resta, rinchiusi come siete nella vostra limitata vita.
Dunque, vi diciamo: per prima cosa imparate a leggere, poi leggetelo bene, quindi imparate a capire quello che leggete.
Perché fanno pena quelli che hanno parlato per iscritto sui giornali e nelle reti sociali.
E quei dottori perfino “honoris causa” o come si dice, sembra che non sappiano né leggere e né scrivere, insomma, non capiscono proprio niente.
Oppure capiscono, ma preferiscono la menzogna, renderla grande, vestirla di verità e ripeterla e gridarla forte affinché non si veda che è menzogna o che non sappiano neppure leggere e scrivere.
E così vi burlate della decisione del Congresso Nazionale Indigeno, che sta consultando migliaia dei suoi popoli, tribù, nazioni e comunità, che sono quelli che decideranno se essere d’accordo o no.
Vi burlate che il Congresso Nazionale Indigeno faccia così, che chieda prima di decidere, perché voi fate quello che vi dice il vostro pastore, anche se fosse una scemenza.
Dite di essere molto critici e pensatori, ma ve ne restate zitti quando il vostro pastore pronuncia stupidaggini, perché siete razzisti e sprezzanti.
Il Congresso Nazionale Indigeno sta consultando se si è d’accordo di nominare un Consiglio Indigeno di Governo affinché governi il nostro paese che è il Messico e che questo Consiglio sia rappresentato da una donna indigena delegata del CNI, e che sia candidata alla presidenza del Messico nelle elezioni del 2018.
È questo che è stato annunciato la mattina del 14 ottobre 2016.
Così sta scritto, è chiaro ed è in castigliano perché lo possiate capire.
Non sta scritto che l’EZLN consulterà le sue basi per sapere se sono d’accordo di trovare una candidata indipendente, donna indigena delle loro basi di appoggio zapatiste, come EZLN, e che consulterà anche il Congresso Nazionale Indigeno per sapere se è d’accordo.
Non dice niente di tutto ciò, ma succede che siete degli idioti e degli ignoranti che non volete leggere né fare attenzione, e vi bevete solo quello che vi vendono i media prezzolati.
Vi dite grandi studiosi e studiose, con avanzata tecnologia e non vi prendete nemmeno il disturbo di leggere, ma correte dai media prezzolati per lasciare le vostre parole.
Non leggete nemmeno dove sta scritto, né che cosa dice lo scritto, ma siete un branco di pettegoli e pettegole che non sanno neppure dire “Congresso Nazionale Indigeno” ma dite “Consiglio Nazionale Indigenista” o “Consiglio Nazionale Indigeno”.
Che vergogna di scrittori professionisti pagati per essere ignoranti.
Come pretendete di essere ascoltati, se nemmeno ascoltate o leggete bene?
O addirittura vi dà noia leggerlo?
Come volete essere rispettati, se non sapete neppure rispettare?
Come volete essere compresi, se neanche sapete comprendere la nostra comune presa di decisione, ed ancora senza avere i risultati, partite con gli insulti, la mancanza di rispetto, le burla ed il razzismo?
Che pena che vi credete grandi perché siete laureati, professionisti, professori universitari, ricercatori con molti premi e titoli.
Che pena, perché molti dicono di esserlo, ma non sanno leggere né scrivere.
E non perché non ne abbiano i mezzi, perché sono pieni di cellulari, tablet, computer ed altre cose, ma si vede che le hanno solo per moda e non per farne buon uso.
Solo per vantarsi di essere chi porta avanti i nuovi simboli della modernità.
E questo sì, siccome li hanno, li usano per tirare fuori e dire le loro trovate e sciocchezze razziste e spregiatrici.
Ed ancora ci prendono in giro perché siamo in pochi, non ci si deve preoccupare degli zapatisti, dicono.
Che noi zapatisti stiamo qua nelle nostre montagne e non ne sappiamo niente di come è il mondo, che siamo ignoranti e arretrati, che non sappiamo niente della politica vera, professionale, che sanno fare solo quelli della città che hanno studiato.
Sì, è vero, in realtà siamo pochi.
Solo poche migliaia di organizzati, è vero.
Quasi 23 anni di età e non abbiamo progredito granché, solo alcuni Municipi Autonomi Ribelli Zapatisti dove veramente abbiamo mandato al diavolo il malgoverno, con alcuni veri maestri e maestre di ribellione al cattivo sistema e malgoverno.
Dove abbiamo un po’ di sanità, dove si fanno operazioni chirurgiche grazie all’appoggio di compas medici coscienti che prestano il loro servizio.
Alcune scuole autonome dove si impara a leggere e scrivere davvero.
Dove ci sono alcune annunciatrici ed annunciatori radio, alcuni analisti di laboratorio, alcune compagne che usano gli ultrasuoni, alcuni dentisti.
Dove i popoli comandano ed il governo obbedisce.
Ah, e questo sì: alcune centinaia di migliaia di rabbie contro questo sistema capitalista in cui viviamo e moriamo.
Questo, più quello che possiamo fare da ora in avanti, perché non pensiamo di fermarci.
Bene, ora cosa ci potrai raccontare di te in quasi 23 anni di vita?
Ma non di essere andato in cerca di posti o sistemazioni pubbliche, che siano incarichi e poltrone.
Perché in realtà noi qui stiamo dimostrando come si distrugge il cattivo sistema o che cosa si deve distruggere e che cosa costruire, prendendo in considerazione la decisione di migliaia, e non di un pugno di persone chiuse in un ufficio o secondo gli ordini di un individuo.
Perché voi molte volte avete trascorso anni a discutere senza avere costruito nemmeno uno specchio per vedere quello che si sta costruendo.
Perché ciò di cui si parla si deve poter vedere, non solo parole vuote.
E non quello che decide uno, ma quello che decidono migliaia.
-*-
Come devo comportarmi o pensare come scrittore o scrittrice?
O come articolista, o come giornalista.
O come cerca posto o sistemazione.
Penso che non si deve criticare se non conosco la loro situazione reale, perché neppure vivo con loro.
Conoscere davvero, scientificamente, non ripetere come una macchina quello che mi raccontano, o leggo male, o dicono i media prezzolati.
Non burlarmi di loro, per poi non ammettere di averlo fatto, o che non è quello che volevo dire, che mi stanno fraintendendo.
Perché quando fate così, si vede che, oltre ad essere ignoranti, siete vigliacchi.
Non vantarmi che so tutto, se neanche vivo con loro, né studio, né leggo con attenzione, né mi succede niente di quello che accade a loro.
Inoltre, di che cosa mi vanto se non ho niente intorno a me?
Non riesco a vedere nemmeno la mia ombra.
Non ho niente da mostrare che sia visibile o palpabile.
Perché non sono la stessa cosa la chiacchiera ed un fatto reale che è visibile, e che, nei fatti, nella pratica, si combina con migliaia di visioni e di pensieri.
Dunque, perché li scherzo e li disprezzo?
-*-
Signore e signori, che vi credete importanti per i vostri incarichi in qualche posizione dirigenziale o che tanto vi vantate dei vostri studi, vogliamo dirvi:
Noi indigeni dell’Esercito Zapatista di Liberazione Nazionale, proviamo pena, tristezza e rabbia per quelli che ci scherzano e disprezzano in quanto indigeni.
Ma, nonostante tutto, lotteremo e combatteremo anche per voi, per il Messico in cui viviamo.
Abbiamo più di 500 anni di esperienza della brutta vita che ci hanno fatto fare i ricchi, e da più di 500 anni sappiamo come vogliamo una bella vita.
E voi?
Quanti 500 anni avete per venire a prendervi gioco di noi e a disprezzarci?
Oggi abbiamo deciso, insieme alle compagne e compagni del Congresso Nazionale Indigeno, di consultare i nostri popoli se siamo d’accordo o no di creare un Consiglio Indigeno di Governo che governi tutto il Messico, non solo gli indigeni, e che questo Consiglio si presenti alle elezioni del 2018 con una donna indigena delegata del CNI come sua rappresentante.
Manca la pura decisione se sì o no.
Ancora non si sa che cosa uscirà dalla consultazione e già quanta derisione avete fatto e quanto disprezzo avete gettato contro i popoli originari ed in particolare contro le donne indigene.
Bisogna dire che chi ci attacca non sono solo quelli che ci sfruttano, si uniscono anche e si accaniscono contro di noi i partiti politici, perfino quelli che si dicono di sinistra, i cosiddetti grandi intellettuali, professionisti, ricercatori, articolisti, scrittori, giornalisti, professori universitari.
Chi manca, ancora?
Si aggiunga chi vuole come comparse, quali sono.
E adesso perfino quegli arroganti che ci trattavano da chibolas vogliono darci ordini. Magari un giorno si vedrà qualcosa dei loro lavori e si confronteranno. Forse un giorno diranno la verità del perché se ne sono andati.
Vediamo signore e signori burloni e sprezzanti: mostrateci quanti municipi autonomi avete organizzato;
in quanti luoghi avete il popolo che comanda e il governo che obbedisce;
dove dalle vostre parti si rispettano le donne, i bambini e gli anziani;
dove si aiuta chi non ha niente;
dove c’è la libertà, la vostra libertà, e potete uscire in strada o in campagna senza la paura di essere sequestrati, fatti sparire, violentati, assassinati;
dove il governo non è pieno di criminali e le prigioni piene di innocenti.
Hai fatto i conti?
Allora rispondi: perché ti rivolti contro gli indigeni e li tratti da dementi che non sanno dove vanno?
Perché, se non ti stiamo fregando?
Neanche ti citiamo e ci accusi che il malgoverno ci paga per fregarti, che serviamo il capitalismo.
A noi non ci paga nessuno per essere quello che siamo e non serviamo nessuno.
Perché a noi, non ci comanda nessuno.
Forse è per questo che ci attacchi e ci disprezzi, perché tu sei già abituato a che ti comandino e ti dicano che cosa devi pensare, dire e fare.
Non ti piace la libertà perché ti piace essere schiavo.
Come zapatisti, le cose le facciamo bene o male, ma le facciamo noi.
Non facciamo quello che ci dicono da fuori.
È meglio che studi e impari che chi ti sta fregando si chiama “capitalismo”, non si chiama “indigeno”.
Ci attacchi e ti burli gratuitamente, ma un giorno ci vedremo, perché siamo obbligati.
Chi ci obbliga?
Il sistema.
Impara bene quello che ti diciamo e smetti di fare bizze e broncio, perché non è un gioco lottare per il mondo.
-*-
Signore e signori intellettuali:
com’è che non vi accorgete che i capitalisti cambiano nel loro modo di sfruttare, di rubare, di reprimere, di disprezzare?
Vi date arie da grandi pensatori e siete ormai come un albero secco e vecchio che non darà più frutti, per quanto si speri.
Perché adesso la terra dove vivi è sempre più inquinata, è così che la sta lasciando il capitalismo, e continuate con gli stessi modi di vedere e di pensare, tanto che le vostre teste sono ormai deformate, come se non ci fosse un’altra forma di esercizio.
Uscite dalle vostre stanze, alzatevi dalla sedia, camminate, alzate le teste, prendete i vostri occhiali per vedere più lontano e per guardare bene.
Ora prova ad immaginare molte cose con tutte le combinazioni che sei riuscito a vedere, e così vedrai che ti verranno altre idee e non la ripetizione di sempre.
Se non sei riuscito a vedere niente, significa che hai già perso i tuoi occhi.
-*-
Ed ora sembra che ci vogliono dire che cosa deve fare o non fare il SupGaleano.
Il SupGaleano, come tutte le truppe insorte, fa quello che gli dico io.
Ed io faccio quello che mi dicono le comunità.
Pertanto, ora mi tocca dire al SupGaleano di fare quello che gli dico, perché io faccio quello che mi dicono le nostre comunità.
Se gli dico non rispondere, non risponde, perché non vale la pena.
E se gli dico di rispondere, anche se non vuole, deve rispondere ma che sia bene chiaro, è per aiutare gli altri e le altre.
E se gli dico di rilasciare interviste, deve rilasciarle, anche se non vuole. E se gli dico che deve rilasciare interviste a tutti o solo ad alcuni, così deve fare. E se gli dico solo ai media liberi, così fa. E se gli dico anche ai media prezzolati, fa così.
E per quelli che non vogliono capirlo, è molto semplice:
Primo, che ricevano umiliazioni, morte e distruzione per più di 500 anni.
Poi, che si organizzino per 10 anni, che si preparino e che si sollevino, come ci siamo sollevati noi all’alba del 1° gennaio del 1994, e poi che resistano senza vendersi, senza tentennare, senza arrendersi per molti anni.
vediamo, perché una cosa è scrivere ed un’altra è fare, per questo diciamo una cosa è la teoria ed un’altra è la pratica,
questo ti insegna e ti dà un’altra visione senza perdere di vista i tuoi principi.
Ma vediamo se non ci stuferemo di aspettarvi.
Bene, vediamo se saremo vivi perché è terribile quello che sta facendo la bestia del capitalismo.
O ve ne rendete conto o morirete a causa del sistema per la vostra mancanza di visione, e allora non ci sarà rimedio, né essere ricordati per la brutta storia che avrete passato.
Dunque, è tutta colpa del SupGaleano che ci manipola e ci porta sulla strada cattiva?
E adesso fate morire dal ridere quando dite “Galeano/Marcos”.
Eravate tanto innamorati del SupMarcos da venire fin qui a farvi le foto e a farvi firmare un saluto, e io l’ho ben visto perché ero lì di fianco.
E lì a fianco c’era anche la buonanima del compagno maestro Galeano, e non gli chiedevate nemmeno il nome.
E poi avete tanto odiato il SupMarcos perché non ha obbedito a voi, ma a noi.
E ora è morto.
Smettetela di fare i vedovi che si sentono abbandonati.
È morto, superatelo.
Ed ora c’è un SupGaleano perché così abbiamo ordinato. E ce lo mettiamo affinché lo attacchiate e critichiate e così siate insolenti quali siete. E non importa tutto quello che gli dite e perfino le minacce di morte. Non importa perché a questo l’abbiamo addestrato, per questo l’abbiamo preparato, e questo è il suo lavoro. E lui lo sopporta, non come voi che appena vi dicono qualcosa vi mettete subito a piangere perché il mondo non vi comprende.
E se comandiamo che muoia un’altra volta, morirà un’altra volta.
E se a voi non piace il nostro modo, è così.
Non siamo qui per accontentarvi.
Siamo qui per la gente di sotto e a sinistra, quella che lotta, quella che pensa, quella che si organizza, quella che resiste e si ribella.
Rispettiamo questa gente e questa gente ci rispetta perché sa che siamo uguali.
E stiamo con questa gente non solo in tutto il Messico, ma in tutto il mondo.
E smettetela di ingannare la gente nelle scuole dove fate lezione.
Voi non sapete niente.
E non lo sapete perché vi manca umiltà ed onestà.
Avete perso queste due cose tra tante scartoffie e scrivanie e medaglie e onori e stronzate del genere.
E se finalmente capirete e vi organizzerete, vedete se riuscite a trovare un altro subcomandante insorto Pedro o un altro supMarcos, perché noi non l’abbiamo ancora trovato.
Ma forse voi avete buona fortuna e li troverete.
-*-
Nel frattempo, tacete ed ascoltate, leggete, imparate dai popoli, tribù, nazioni e comunità organizzati nel Congresso Nazionale Indigeno.
Loro sono le nostre famiglie, ed ora tocca a loro insegnarci, mostrarci la strada.
A noi, zapatiste e zapatisti, tocca imparare da loro.
Forse ci riusciremo, ed allora il mondo sarà più giusto, più democratico e più libero.
Ed ai piedi scalzi dei popoli originari ci sarà il cadavere dell’Idra capitalista.
Non ferita, ma morta.
Allora bisognerà rifare tutto di nuovo, ma giusto, senza sopra né sotto, senza disprezzo, senza sfruttamento, senza repressione, senza spoliazione.
E quel mondo sarà anche per voi, razzisti e sprezzanti di quello che non capite.
Perché ancora non capite di non capire.
Non capite perché non sapete niente.
Perché quella che uscirà non sarà la decisione di una persona, bensì collettiva.
-*-
Poi vi raccontiamo quello che è successo alla Sexta.
Non l’abbiamo detto prima perché il Congresso Nazionale Indigeno ci ha chiesto di aspettare che arrivassero ai loro villaggi per cominciare la loro consultazione.
Perché ci ha chiesto di essere il suo guardiano e sopportare le critiche e il disprezzo che sarebbero stati per il CNI.
Abbiamo aspettato e sono saltati fuori tutti e tutte quelli che ci aspettavamo.
Il Congresso Nazionale Indigeno lo sa, ha ascoltato, ha letto.
Sa da dove viene il disprezzo ed il razzismo.
Sa quello che pensano i politici di professione.
Sa quello che pensa il Prepotente.
Sa quello che pensano quelli che si credono i salvatori.
La pelle del CNI è sana e salva.
La nostra è ferita, ma ci siamo abituati e rapidamente cicatrizzerà.
-*-
Il pensiero del CNI è chiaro.
Non ci resta che aspettare la sua parola e sostenerla.
Perché sappiamo che la strada che hanno scelto per tutti noi, popoli, tribù, nazioni e comunità originari, nascerà dalla rabbia e dal dolore.
Nascerà dalla resistenza e dalla ribellione.
Nascerà dal suo cuore collettivo.
Non da un individuo, non da una persona.
Nascerà dal collettivo, come siamo nati noi che siamo quello che siamo.
Dalle montagne del sudest messicano.
Subcomandante Insurgente Moisés
Messico, novembre 2016
 
 
Traduzione “Maribel” – Bergamo
Share

No hay comentarios »

No hay comentarios todavía.

RSS para comentarios de este artículo.

Deja un comentario

Notas Importantes: Este sitio web es de la Comisión Sexta del EZLN. Esta sección de Comentarios está reservada para los Adherentes Registrados y Simpatizantes de la Sexta Declaración de la Selva Lacandona. Cualquier otra comunicación deberá hacerse llegar por correo electrónico. Para evitar mensajes insultantes, spam, propaganda, ataques con virus, sus mensajes no se publican inmediatamente. Cualquier mensaje que contenga alguna de las categorías anteriores será borrado sin previo aviso. Tod@s aquellos que no estén de acuerdo con la Sexta o la Comisión Sexta del EZLN, tienen la libertad de escribir sus comentarios en contra en cualquier otro lugar del ciberespacio.


Archivo Histórico

1993     1994     1995     1996
1997     1998     1999
2000     2001     2002     2003
2004     2005     2006
2007     2008     2009     2010
2011     2012     2013
2014     2015    

Comunicados de las JBG Construyendo la autonomía Comunicados del CCRI-CG del EZLN Denuncias Actividades Caminando En el Mundo Red nacional contra la represión y por la solidaridad Artículos