lista de correosrecibe automaticamente las actualizaciones a tu correosiguenos en tuitersiguenos en facebook siguenos en youtube

enlaceZapatista

Palabra del Ejército Zapatista de Liberación Nacional

Ene062006

Discorso del Subdelegato Zero a La Hormiga, San Cristóbal de Las Casas

Discorso del Subdelegato Zero a La Hormiga, San Cristóbal de Las Casas 4 gennaio 2006

Sentite un po’:

Voglio iniziare svelandovi un segreto di molto tempo fa, quando l’EZLN non era conosciuto.

Dovevamo parlare con i compagni che vivevano a San Cristóbal, con quelli della colonia La Hormiga.
Pensavamo che fosse necessario rispettare la loro organizzazione e che dovevamo cercare i loro leader.
Era novembre o dicembre del 1993 e venni con due compagni, un uomo ed una donna tzotziles dal nostro movimento, salimmo alcune scale, ci misero in una stanza scura ed incominciamo a parlare con alcuni di voi. Dicemmo a queste persone che ci saremmo sollevati in armi che volevamo avvisarli perché probabilmente ci sarebbe stato qualche problema e non volevamo che ci fossero sofferenze ma li invitavamo anche ad appoggiare questa lotta. Più o meno stavo spiegando a questo fratello che è qui presente, che cosa era quello che volevamo e quello che avremmo fatto.

Il compagno ascoltò con attenzione e rispetto e alla fine mi disse: ‘Ti dico chiaro che vedremo come lo sente il nostro cuore, e se la tua lotta è buona la appoggeremo’. Salutandolo gli dissi: ‘Io mi chiamo Marcos’. E lui mi disse: ‘Io mi chiamo Domingo’.
Questo accadde prima che l’EZLN fosse conosciuto.

Il primo gennaio 1994, (e poi) il 2 ed il 3, le nostre forze furono attaccate da aerei ed elicotteri dell’Esercito federale e diverse delle nostre truppe rimasero bloccate qui nelle montagne attorno a San Cristóbal de Las Casas. Chi non ricorda le immagini degli aeroplani che sganciavano bombe. Furono i fratelli di La Hormiga, gli autisti, gli autotrasportatori che, senza chiedere niente in cambio, trasportarono le nostre truppe in posti più sicuri.

Mi ricordo che a uno di loro, non so se è qui presente oggi, consegnai come simbolo un arma che avevamo tolto a questi caproni della Pubblica Sicurezza e gli dissi:
‘Gli zapatisti non dimenticano quello che state facendo per noi.’. Questi fratelli, evangelici in maggioranza, chamulas in maggioranza, indigeni tutti, ci diedero la mano e salvarono la vita di molti dei nostri compagni. Allora non c’erano foto, né videocamere, né microfoni, né interviste. C’erano bombe e pallottole, e fu in questa città, con gli indigeni che la costruirono e dalla quale furono espulsi fino a qua, dove l’EZLN trovò la sua prima alleanza ed il primo appoggio da gente umile e semplice.

Come allora dissi a quei fratelli autisti, lá nel periférico, noi zapatisti non avremmo dimenticato quello che fecero per noi quando non eravamo famosi, quando l’ordine che avevano i soldati era di ammazzarci tutti, e lo abbiamo conservato nel nostro cuore.

È un onore ritornare qui, vedervi, ascoltarvi e ripetervi quello che dicemmo allora a quei fratelli:
Grazie compagni di La Hormiga e grazie anche ai compagni che vengono da altre organizzazioni.

Mi dicono di dire il nome del compagno al quale diedi il fucile. Si chiama Juan Gómez Ruiz, attualmente in carcere per motivi politici, per repressione del governo. Speriamo che la nostra voce arrivi fino a lui e che ricordi l’alba di quel giorno.

Compagni e compagne, voglio dirvi un’altra cosa.

Prima di venire qui abbiamo ricevuto minacce da alcuni squallidi priisti che dicevano che ci sarebbero stati problemi se fossimo venuti qui a La Hormiga, che ci sarebbero stati scontri ma noi siamo venuti e diciamo a quei fratelli: Come possono accusarci di cercare lo scontro o di provocare problemi tra indigeni, se è il PRI quello che li ha espulsi dalle comunità? Con il pretesto del cattolicesimo, li ha espulsi dalle loro comunità per essere evangelici, o solo perché i caciques volevano le loro terre, i loro beni, è proprio il PRI quello che li tiene qui a soffrire, e adesso loro stanno difendendo questo partito e pensano che noi cerchiamo lo scontro tra fratelli che stanno in basso.

No, noi no. È il PRI che lo sta cercando e vogliamo dire a questa gente che il PRI è l’unico partito che è cresciuto sul sangue e l’umiliazione e la morte degli indigeni del Messico. Vogliamo dire loro che bisogna uscire da questo partito, che facciano le proprie organizzazioni e che lottino come i fratelli qui, di La Hormiga, che stanno in organizzazioni indipendenti fuori dei partiti politici.

Il PRI è composto da veri cialtroni, assassini e bugiardi, tutti, da Roberto Madrazo fino a quello che là in basso sta organizzando la gente contro la presenza dell’Altra Campagna. Dobbiamo dire a tutti i compagni, che sono gente umile e semplice, di uscire da questo partito politico, perché non fanno altro che macchiarsi le mani di sangue e stanno arricchendo altri. Il PRI va e viene da un governo all’altro, e gli indigeni continuano ad essere disprezzati, perché non è grazie al PRI o nessun altro partito che cambiò la parola indigena. Accadde quando gli stessi indigeni si organizzarono e, senza partiti politici, reclamarono i loro diritti, come noi nel 1994 e come vanno dicendo da molti anni.

Qui a La Hormiga, dove il PRI si inserisce per creare divisioni, vengo a dirvi che bisogna mandare al diavolo questo partito politico. Dite a tutti di uscirne. Grazie, compagni.

(Traduzione Comitato Chiapas “Maribel” – Bergamo)

Share

No hay comentarios »

No hay comentarios todavía.

RSS para comentarios de este artículo.

Deja un comentario

Notas Importantes: Este sitio web es de la Comisión Sexta del EZLN. Esta sección de Comentarios está reservada para los Adherentes Registrados y Simpatizantes de la Sexta Declaración de la Selva Lacandona. Cualquier otra comunicación deberá hacerse llegar por correo electrónico. Para evitar mensajes insultantes, spam, propaganda, ataques con virus, sus mensajes no se publican inmediatamente. Cualquier mensaje que contenga alguna de las categorías anteriores será borrado sin previo aviso. Tod@s aquellos que no estén de acuerdo con la Sexta o la Comisión Sexta del EZLN, tienen la libertad de escribir sus comentarios en contra en cualquier otro lugar del ciberespacio.


Archivo Histórico

1993     1994     1995     1996
1997     1998     1999
2000     2001     2002     2003
2004     2005     2006
2007     2008     2009     2010
2011     2012     2013
2014     2015     2016     2017

Comunicados de las JBG Construyendo la autonomía Comunicados del CCRI-CG del EZLN Denuncias Actividades Caminando En el Mundo Red nacional contra la represión y por la solidaridad